Et Resurrexit: il Gamma Chorus insieme a coro e orchestra del Campiani

et_resurrexit_poggio_manifesto

Si terrà domenica 12 aprile, alle ore 17.30, presso la chiesa parrocchiale di Poggio Rusco, il concerto “Et Resurrexit”, organizzato dalla Accademia corale “Teleion” con il patrocinio di Comune e Parrocchia di Poggio Rusco, Diocesi di Mantova, Conservatorio “L. Campiani” di Mantova, U.S.C.I. Mantova, Associazione Amici della Chiesa e Lions Club Terre Matildiche.

Interpreti del primo grande concerto con coro ed orchestra dopo la riapertura della chiesa di Poggio Rusco saranno i cori da camera “Gamma Chorus” e “Lucio Campiani” (preparato dal m° Francesco Loregian), l’orchestra da camera del Conservatorio mantovano e i solisti Giulia Perusi (soprano), Antonella Di Giacinto (contralto), Wang Tian (tenore) e Chen Yiang (basso).

Sotto la direzione di Luca Buzzavi, porteranno in concerto la Missa Dolorosa di Antonio Caldara, il Credo RV 591 di Antonio Vivaldi ed altri mottetti sacri a cappella: un repertorio impegnativo che offrirà al pubblico un’occasione di ascolto di veri e propri capolavori della musica barocca veneziana, all’interno di un percorso nella tradizione polifonica sacra europea con le composizioni per coro a cappella di Palestrina, Lotti, Mendelssohn, Bairstow e Duruflè.

Un programma raffinato che per la sua ricchezza e il suo alto valore musicale e culturale è stato inserito nel calendario del progetto “Matilde 2015”, ideato per celebrare il nono centenario dalla morte della Grancontessa di Canossa: la decisione di U.S.C.I. Mantova e della Diocesi, di cui è l’organizzazione del progetto, di patrocinare il concerto “Et Resurrexit” è stata ulteriormente motivata dal fatto che la chiesa di Poggio Rusco – come in pochi sanno e come sarà spiegato durante il pomeriggio musicale mediante i contributi alla storia cittadina di Lino Rezzaghi – giace sui resti della chiesa romanica di epoca matildica dedicata a Santa Maria Alba.

L’ingresso al concerto è ad offerta libera in favore delle spese per la ricostruzione della chiesa parrocchiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *