VI Corso estivo di Canto Gregoriano – Mantova

Giunto alla sesta edizione, il Corso estivo di Canto Gregoriano vede l’organizzazione da parte dell’Accademia Corale Teleion, in collaborazione con i Cantori Gregoriani, con il Conservatorio L. Campiani e con la Diocesi di Mantova (Ufficio Liturgico); docenti del corso saranno i maestri Angelo Corno, Luca Buzzavi e Michael Guastalla.

Il Corso si terrà da giovedì 11 a domenica 14 luglio 2019 presso il Conservatorio di Mantova (Via della Conciliazione, 33) e sarà articolato su due livelli distinti:

Livello Base: Introduzione alla semiologia gregoriana (m° Luca Buzzavi e Michael Guastalla);
Livello Superiore: La legge della Simmetria nel Canto Gregoriano (m° Angelo Corno).

Le giornate del Corso estivo alterneranno diversi momenti:
– lezioni teoriche a livelli distinti; – analisi del repertorio gregoriano e esercitazioni d’insieme;
Scholae a confronto: riflessioni su brani proposti dai cori laboratorio del Corso;
Focus on: alla scoperta dei luoghi più affascinanti della città (giovedì 11, guida: m° Davide Nigrelli); alla scoperta dei Codici della Basilica di Santa Barbara e della Cattedrale di Mantova (venerdì 12, guida: dott.sa Licia Mari e Mons. Giancarlo Manzoli);
– intervento della Schola degli allievi del Corso estivo durante la celebrazione eucaristica di domenica 14 luglio.

PERCHÈ?
L’idea che ha guidato la progettazione di questoVICorso estivo risiede nella
convinzione che solo attraverso il contributo di studi accademici ed esperienze ecclesiali, sia possibile giungere ad una più avveduta ricontestualizzazione liturgica del Canto Gregoriano. È per questo che il Corso si svolgerà attorno a due poli principali: il Conservatorio di musica, centro della vita accademica, ed il Duomo di Mantova, cardine di quella
ecclesiale.

REPERTORIO
Il repertorio oggetto di studio sarà il seguente:
– dal proprio della XV domenica del Tempo Ordinario: IN. Dum clamarem, GR. Custodi me, Alleluia. Te decet hymnus, OF. Ad Te, Domine, levavi, CO. Qui manducat;
– ordinario dalla Missa V (con Gloria More ambrosiano).
Testo indispensabile per tutti gli iscritti sarà il Graduale Triplex; contattando per tempo l’organizzazione sarà possibile acquistarlo a prezzo scontato: la libreria Musidora di Parma sarà presente con un’esposizione della più aggiornata bibliografia inerente il Canto Gregoriano. Ai partecipanti sarà rilasciato un attestato di frequenza e saranno rese disponibili le registrazioni in formato digitale dei brani cantati durante la S. Messa, delle lezioni e una copia digitale dei materiali didattici.

CORI LABORATORIO
La Schola dei corsisti sarà affiancata dalle seguenti scholae laboratorio: Schola Gregoriana Matilde di Canossa (dir. Luca Buzzavi); Schola Gregoriana di Mantova (dir. Michael Guastalla); Schola medievale del Coro Paer (dir. Ugo Rolli, guida all’ascolto: Pietro Magnani, strumenti ricostruiti da Lino Mognaschi); Schola Gregoriana Ars Nova (dir. Miriam Schiavi, guida all’ascolto: Angelo Corno).

SISTEMAZIONI, INDICAZIONI, CONSIGLI
Attraverso il Portale del Turismo (www.turismo.mantova.it) è possibile accedere a tutte le informazioni sulle numerose strutture alberghiere della città:
ciascun allievo potrà così prenotare autonomamente la soluzione più idonea alle proprie esigenze. L’organizzazione ha stretto una convenzione a prezzi agevolati per i pasti consultabile al sito www.accademiacoraleteleion.it.
Durante le serate del corso sarà possibile organizzare cene di incontro con docenti e organizzatori del Corso nella splendida cornice del centro storico mantovano.

COME RAGGIUNGERCI
In automobile: Mantova è comodamente servita dalle uscite autostradali di Mantova Nord e Mantova Sud della A22.
In treno: la stazione FS di Mantova dista poco meno di un kilometro dal Conservatorio. Uscendo dalla stazione, su Piazza Don Leoni, si prosegue svoltando a destra lungo la Strada Provinciale, per poi girare a sinistra su via Bettinelli. Si raggiunge così Corso Vittorio Emanuele II e, attraversandolo, si è già in Via della Conciliazione. Il Conservatorio, sede del Corso, è al civico 33.

COSTI
La quota di iscrizione al Corso estivo è di 100€, non rimborsabile salvo annullamento del corso stesso da parte degli organizzatori. È previsto uno sconto del 20% per gli studenti del Conservatorio di Mantova.

MODALITÀ DI ISCRIZIONE
Chi desidera iscriversi al Corso estivo è invitato a compilare entro il 16/06/19 la SCHEDA DI ISCRIZIONE contenuta nel depliant e ad inviarla all’indirizzo accademiacoraleteleion@gmail.com; è altresì possibile compilare l’apposito form o iscriversi telefonicamente al numero 370-3153785 lun-mer-gio dalle 19 alle 20. L’iscrizione sarà ritenuta completa al ricevimento del bonifico di pagamento da effettuarsi sul conto corrrente intestato a Accademia Corale Teleion, Banca Unicredit di Poggio Rusco, IBAN: IT66R0200857790000103363828, indicando come causale “Iscrizione Corso estivo di Canto Gregoriano NOME COGNOME”.

Link alle edizioni precedenti:
Mantova 2018
Mantova 2017
Ostiglia 2016
Ostiglia 2015
Ostiglia 2014

Mater Domini

Mercoledì 8 maggio alle 21, in pieno mese mariano, nella chiesa parrocchiale di Poggio Rusco Mater Domini riserverà un programma incentrato sui dialoghi tra organo e coro.

Un concerto dalla forte impronta mariana, aperto e chiuso dalla geniale mano compositiva di J. S. Bach, che presenta nel suo svolgimento ascolti interessanti e avvincenti tratti per lo più dal repertorio ottocentesco, per quanto riguarda gli interventi organistici, e un itinerario dal gregoriano al Rinascimento per quanto riguarda quelli corali, pur concedendo originali flash nella ‘contemporaneità’. L’organo, oltre a porsi come strumento concertante, mostrerà la sua funzione principale come ausilio alla Liturgia, presentando forme e stili del periodo di costruzione del monumentale strumento presente nella Parrocchiale poggese, Montesanti  (1799) –  Tonoli (1861), e introducendo i brani proposti dai cori con opportune improvvisazioni.

Gli esecutori nella fattispecie saranno il Gamma Chorus e la schola gregoriana Matilde di Canossa, diretti dal maestro Luca Buzzavi, e l’organista, maestro Davide Zanasi. Una rinnovata collaborazione tra gli interpreti che mostrerà quanto la Musica sia linguaggio universale.

Nel porgere un fiducioso invito, i direttori artistici del Festival Corale Teleion, Luca Buzzavi e Silvia Biasini, ringraziano la Provincia di Mantova, la Diocesi di Mantova, il Comune e la Parrocchia di Poggio Rusco, l’associazione Amici della Chiesa di Poggio Rusco, l’associazione Amici del Conservatorio di Mantova, USCI Mantova e USCI Lombardia, la Fondazione C.G. Andreoli, Centro Informatika ed Erboristeria Quintessenza.

Miserere mei, Deus

La primavera corale mantovana si arricchisce del Concerto di Musica Sacra di domenica 31 marzo, alle ore 17, presso la maestosa Basilica Palatina di Santa Barbara.

L’evento presenterà un itinerario nel canto gregoriano e nella polifonia, in gran parte rinascimentale, con brani di autori quali Monteverdi, Lasso, Palestrina, Tallis, Bruckner in un accattivante e variegato composto di stili e forme. Intensi istanti di ascolto comporranno una gratificante esperienza che accompagnerà il pubblico fino all’esecuzione – in chiusura – del Miserere mei, Deus di Gregorio Allegri (1582-1652) da parte delle formazioni corali intervenute. L’opera, successione essa stessa di più momenti affidati ai soli, ai cori, all’ensemble ristretto, congederà con eleganza il pubblico di Santa Barbara e gli esecutori, nella fattispecie il Gamma Chorus e la Schola gregoriana Matilde di Canossa (dir. Luca Buzzavi), la Corale Discàntica e la Schola Gregoriana di Mantova (dir. Michael Guastalla), il Coro Ecce Novum e il Gruppo vocale MusiCaesena (dir. Silvia Biasini).

Il Miserere di Allegri torna dunque a Mantova e trascina con sé tutto il mistero di cui la sua storia è impregnata. Inizialmente scritto intorno al 1630 per la Liturgia delle Tenebre della Settimana Santa nella Cappella Sistina, ha destato tanto fascino da essere ripreso, rimaneggiato e rivisto, per giungere a noi in una partitura evidentemente non in stile rinascimentale, ma ‘semplicemente’ emozionante ed edificante.

La direzione artistica ringrazia sentitamente la Diocesi di Mantova e USCI Mantova per il continuo sostegno e sottolinea l’inserimento del concerto come evento correlato al Festival Corale Teleion. L’ingresso sarà libero e gratuito, mentre ogni informazione può essere richiesta alle pagine Facebook di Corale Discàntica e Accademia Corale Teleion.  

Voci in Maschera

 

Domenica 10 marzo alle ore 17, Sabbioneta accoglierà per la seconda volta l’appuntamento corale di Carnevale, Voci in Maschera: lo splendido Teatro all’Antica, piccolo gioiello dell’architettura rinascimentale, invita all’ascolto. Esecutori e pubblico saranno così avvolti da un’atmosfera a cavallo tra Rinascimento e Barocco ricca di brillantezza polifonica, scherzosi quanto intensi scontri armonici e ammiccanti intrecci di melodie. Per questo originale viaggio, insieme al Gamma Chorus (dir. Luca Buzzavi), saranno presenti il gruppo vocale MusiCaesena (dir. Silvia Biasini), la clavicembalista Chiara Cattani e la voce recitante Chiara Benazzi, dell’Accademia Teatrale Campogalliani di Mantova, nel contesto di una gradita e rinnovata cooperazione.  

Il repertorio proposto durante il concerto spazierà attraverso tra il Cinquecento e il Settecento con autori quali Monteverdi, Lasso, de La Rue, Banchieri, trovando lo spazio per l’interpretazione delle ricerche del maestro Biasini sull’autore cesenate Giovanni Ceresini e del maestro Buzzavi su Ludovico Grossi da Viadana. Durante l’evento, sarà inoltre presentato il doppio CD dal titolo An Italian Journey, recentemente inciso dal maestro Cattani al clavicembalo, dedicato alla musica scritta in Italia dal compositore tedesco Johann Adolf Hasse (1699-1783), contenente prime registrazioni mondiali.

Nel porgere un fiducioso invito, i direttori artistici del Festival Corale Teleion, Luca Buzzavi e Silvia Biasini, coadiuvati per l’evento carnevalesco dal maestro Michael Guastalla, ringraziano la Provincia di Mantova, la Diocesi di Mantova, il Comune di Sabbioneta, il Comune e la Parrocchia di Poggio Rusco, l’associazione Amici della Chiesa di Poggio Rusco, l’associazione Amici del Conservatorio di Mantova, Accademia Teatrale Campogalliani, USCI Mantova e USCI Lombardia, la Fondazione C.G. Andreoli e il Centro Informatika.

Magnificat BWV 243 di J.S. Bach

Domenica 9 dicembre alle 17, quando ormai si respirerà il Natale, nella chiesa parrocchiale di Poggio Rusco il Magnificat BWV 243 accoglierà esecutori e pubblico con tutta la sua gioia: gioia intellettuale, per esperti e non, dispensata dal genio innovatore di J. S. Bach (1685-1750), e gioia dei sensi nata dalla splendida e possente musica.

Una grande opera, di un autorevole artista sarà incorniciata da un paese della provincia mantovana, ‘paese di confine’, come è stato definito Poggio Rusco: il medesimo affascinante senso di contrasto percorre gli accostamenti di serrati contrappunti nelle agilissime arie dei soli e di movimenti di ampio respiro e avvincente pathos affidati al coro.

Gli esecutori nella fattispecie saranno i cori polifonici Gamma Chorus (dir. Luca Buzzavi), Ecce novum (dir. Silvia Biasini), il gruppo orchestrale Faventia Ensemble e i solisti Francesca Greppi, soprano, Daniela Pini, mezzosoprano, Simone Cucchiarini, tenore, Decio Biavati, basso.

Anche grazie a loro sarà mostrato, come nel Magnificat, tra stupore e senso d’ordine esista un confine labile.

Nel porgere un fiducioso invito, i direttori artistici del Festival Corale Teleion, Luca Buzzavi e Silvia Biasini, ringraziano la Provincia di Mantova, la Diocesi di Mantova, il Comune e la Parrocchia di Poggio Rusco, l’associazione Amici della Chiesa di Poggio Rusco, l’associazione Amici del Conservatorio di Mantova, USCI Mantova e USCI Lombardia, la Fondazione C.G. Andreoli e il Centro Informatika.

Intrecci e Tradizioni

Mercoledì 5 dicembre alle 21, presso l’Auditorium Monteverdi del Conservatorio di Mantova, si terrà un evento dedicato agli intrecci culturali dal titolo Intrecci e Tradizioni. Il coro polifonico Gamma Chorus di Poggio Rusco e Mantova (dir. Luca Buzzavi) canterà in alternanza al Gimjie City Farm Chorus di Seul (dir. Shim Chun Tark) alcuni temi popolari in uno scambio che utilizzerà il canto corale come principale linguaggio.

A completare la serata interverrà il gruppo tradizionale Jeonju City Culture Foundation (dir. Beom Seok Kim) che presenterà in forma scenica spaccati di vita tradizionale coreana attraverso danze, canti, costumi. Anche la stilista Soon Ok Im offrirà al pubblico la mostra di alcuni abiti ispirati alla cultura orientale. Durante la serata sarà presente inoltre il tenore Cigon Kim, ex allievo del Conservatorio Campiani, attuale co-presidente del Firenze Art Expo e professore emerito del Centro Studi Musica e Arti di Firenze.

Un mix di musica corale e discipline extra musicali davvero imperdibile.

Nel porgere un fiducioso invito, i direttori artistici del Festival Corale Teleion, Luca Buzzavi e Silvia Biasini ringraziano la Provincia di Mantova, la Diocesi di Mantova, il Comune di Poggio Rusco, l’associazione Amici della Chiesa di Poggio Rusco, l’associazione Amici del Conservatorio di Mantova, USCI Mantova e USCI Lombardia, la Fondazione C.G. Andreoli e il Centro Informatika.

Matilde di Canossa, cittadina mantovana?

Siamo grati dell’invito a partecipare, nel pomeriggio di domenica 4 novembre, alla conferenza sulla figura di Matilde di Canossa, cui è intitolata la nostra Schola gregoriana, presso la Chiesa di Santa Maria degli Angeli in Mantova.

La relazione del prof. Maurizio Fontanili è stata preceduta e seguita da interventi di Mons. Giancarlo Manzoli e di don Giampaolo Genova.

Missa Dolorosa

Un capolavoro di musica sacra sarà l’appuntamento autunnale e momento inaugurale del nuovo Festival Corale Teleion, ospitato dalla Chiesa di S. Maria del Gradaro, a Mantova domenica 28 ottobre alle ore 17.

La rinnovata collaborazione tra i cori polifonici Gamma Chorus (dir. Luca Buzzavi), Ecce novum (dir. Silvia Biasini), il gruppo orchestrale Faventia Ensemble e i solisti Emanuela Brunga, soprano, Daniela Pini, mezzosoprano, Paolo Gioia, tenore, Decio Biavati, basso, consegna agli ascoltatori della Missa Dolorosa un’illustre delizia del compositore veneziano Antonio Caldara (1670-1736). Egli fu capace di influenzare gli ambienti viennesi lavorando organicamente sugli aspetti della tradizione vocale sia di Venezia sia dell’Italia coeva. Perla del tardo Barocco, la sua Missa Dolorosa per quattro solisti, coro, archi, basso continuo e fagotto coinvolge il pubblico ora nell’eleganza ora nel rigoroso splendore contrappuntistico.

Nel porgere un fiducioso invito, i direttori artistici Buzzavi e Biasini ringraziano la Provincia di Mantova, la Diocesi di Mantova, il Comune di Poggio Rusco, l’associazione Amici della Chiesa di Poggio Rusco, l’associazione Amici del Conservatorio di Mantova, la Parrocchia di S. Maria del Gradaro, USCI Mantova e USCI Lombardia, la Fondazione C.G. Andreoli e il Centro Informatika.

Festival Corale Teleion

Festival Corale Teleion nasce sotto la direzione artistica dei maestri Luca Buzzavi e Silvia Biasini dalla volontà di fornire un assetto organico agli impegni su più fronti che Accademia Corale Teleion assume periodicamente da alcuni anni, per voce dei suoi ensemble: Gamma Chorus e Schola gregoriana Matilde di Canossa diretti entrambi da Luca Buzzavi.

Da ottobre 2018 a luglio 2019 una catena di occasioni il più possibile dialogati tra musica e pubblico prevede: concerti corali in sinergia con forme artistiche extra-musicali, messe cantate, corsi di formazione e guide all’ascolto a cura dei direttori artistici, collaborazioni con realtà musicali, enti pubblici e privati, il tutto veicolato da materiali divulgativi, articoli giornalistici, gratuità di accesso agli eventi.

Il prezioso contatto con Accademia MusiCaesena (dir. Silvia Biasini), Corale Discàntica (dir. Michael Guastalla), l’associazione Amici del Conservatorio di Mantova Faventia Ensemble consente l’allestimento di concerti quali Missa Dolorosa di A. Caldara del 28 ottobre a Mantova, Intrecci e Tradizioni: un viaggio musicale da Mantova a Seul di mercoledì 5 dicembre presso l’Auditorium Monteverdi del Conservatorio di Mantova con il Gamma Chorus (dir. Luca Buzzavi), il Gimjie City Farm’s Chorus (dir. Sim Chun Taek), il gruppo tradizionale Jeonju City Culture Foundation (dir. Beom Seok Kim), Magnificat di J. S.Bach del 9 dicembre a Poggio Rusco, Voci in Maschera nel periodo di Carnevale a Quingentole, la terza Rassegna di Polifonia e Canto Gregoriano a Mantova in aprile (evento correlato al Festival in collaborazione con Corale Discàntica), Vox organalis: il dialogo tra coro e organo a Poggio Rusco e Barbasso e Corinfesta a Mirandola (MO) in maggio, Vox Populi: elaborazioni e composizioni ispirate al canto popolare presso l’impianto di archeologia idraulica di S. Siro (S. Benedetto Po) in giugno.

La partnership consolidata con il gruppo professionale Cantori Gregoriani (dir. Fulvio Rampi) e alcune scholae laboratorio tra cui la Schola Gregoriana di Mantova (dir. Michael Guastalla), permettono esperienze di formazione a vari livelli come la Scuola di Canto Gregoriano di Cremona (da dicembre 2018 a maggio 2019) e il Corso estivo di Canto Gregoriano (che si terrà presso il Conservatorio e Duomo di Mantova dall’11 al 14 luglio 2019) giunti rispettivamente alla loro quinta e sesta edizione.

Oltre agli appuntamenti concertistici e ai percorsi di formazione non mancheranno liturgie cantate in Polifonia e in Canto Gregoriano.

Un ringraziamento speciale agli enti collaboratori e patrocinanti: la Provincia di Mantova, la Diocesi di Mantova, il Comune di Poggio Rusco, l’associazione Amici della Chiesa di Poggio Rusco, l’associazione Amici del Conservatorio di Mantova, la Parrocchia di S. Maria del Gradaro, USCI Mantova e USCI Lombardia, Accademia Teatrale Ettore Campogalliani, la Fondazione C.G. Andreoli e il Centro Informatika, ma anche Feniarco e Il Saggiatore Musicale per gli eventi di formazione sul Canto Gregoriano.