L’Ordinario di San Simeone risorge a Polirone

Schola Matilde di CanossaDomenica 26 luglio, festività di San Simeone, alla prima messa del giorno (ore 8) presso la monumentale Abbazia di Polirone in S. Benedetto Po (MN), la Schola Gregoriana “Matilde di Canossa” canterà per la prima volta in tempi moderni l’Ordinario “Sancti Simeonis” (Kyrie, Gloria, Sanctus, Agnus Dei) presente sui codici polironiani del XVIII secolo.

L’opera di trascrizione in notazione moderna è stata completata dal direttore della schola, Luca Buzzavi. “Ho raccolto volentieri la proposta del m° Davide Nigrelli – spiega Buzzavi – il quale, insieme alla dott.sa Stefania Roncroffi, la ricercatrice che si è occupata di catalogare l’intero patrimonio dei codici polironiani, mi ha inviato le fotografie scattate negli archivi di S. Benedetto e Mantova al fine di poter realizzare una partitura fruibile ed eseguibile dai nostri cantori”. Lo stile musicale in cui è scritto l’Ordinario di San Simeone è il cosiddetto Canto Fratto, un’evoluzione tardiva del Canto Gregoriano, in cui melodie ormai pienamente tonali sono scritte in notazione quadrata, ma con valore ritmico misurato. All’organo, abilmente suonato dallo studente del Conservatorio di Mantova, Michele Gaddi, il compito di accompagnare questa partitura. Il valore di tale esperienza risiede nel far gustare nuovamente durante la liturgia, dopo secoli di silenzio, la musica che riempiva le mura di questo meraviglioso luogo e nel dar spazio ai brani del proprio gregoriano autentico, quelli più antichi, che verranno eseguiti all’Introito, Alleluia, Offertorio e Communio.

Matilde di Canossa (1046-1115) e San Simeone (? – 1016) saranno quindi nuovamente accostati all’interno del monastero benedettino nel novecentenario della morte della Grancontessa ed in preparazione al millenario del Santo che arriverà l’anno prossimo.

La Schola Gregoriana “Matilde di Canossa”, facente parte dell’Accademia Corale “Teleion” di Poggio Rusco, è reduce dal grande successo del II Corso estivo di Canto Gregoriano, tenutosi dal 10 al 12 luglio presso il Santuario della Comuna, in cui ha cantato come coro laboratorio per tutti i 50 corsisti presenti ed è pronta per i prossimi importanti impegni che è possibile seguire visitando i siti www.cantogregoriano.net e www.accademiacoraleteleion.it.

In cinquanta a Ostiglia per il II Corso estivo di Canto Gregoriano

Foto finale comuna 2015 mq
Ostiglia, piccola cittadina nella provincia di Mantova, sulle rive del fiume Po. Santuario della Beata Vergine della Comuna, gioiellino di arte e devozione in mezzo ai verdi e assolati campi della pianura padana. Un caldo fine settimana di metà luglio, con un sole splendente in cielo e un vento leggero talvolta a rinfrescare l’aria. Ma chi fosse passato da quelle parti, dal 10 al 12 luglio scorsi, non avrebbe potuto certo rimanere indifferente all’udire, oltre le finestre della Casa del pellegrino adiacente il Santuario, il sapore antico di un Canto sempre nuovo.

È infatti in questa deliziosa cornice che si è svolto, dopo il successo dell’edizione 2014, il II Corso estivo di Canto Gregoriano, organizzato dalla Accademia Corale “Teleion” in collaborazione con i Cantori Gregoriani, con il patrocinio della Provincia e della Diocesi di Mantova e di U.S.C.I. Lombardia e Mantova. Un evento che ha visto la partecipazione di cinquanta corsisti, giunti ad Ostiglia non solo dalla provincia di Mantova ma da Emilia, Veneto, Trentino, Piemonte, Liguria e Toscana. Cinquanta persone che hanno accolto la proposta del direttore artistico, Luca Buzzavi, di dedicare tre giorni alla conoscenza o all’approfondimento del Canto proprio della Chiesa Cattolica con due docenti di fama internazionale, il m° Fulvio Rampi ed il m° Angelo Corno.

Il “weekend gregoriano” – benedetto simbolicamente dal delegato vescovile per i beni culturali della Diocesi di Mantova, Mons. Giancarlo Manzoli – è stato intenso e ricco di stimoli per tutti quanti hanno partecipato, dai giovanissimi studenti di Conservatorio a coristi con una grande esperienza di pratica corale, da direttori di coro ad organisti, da docenti di musica a semplici appassionati. Le lezioni teoriche che hanno occupato le mattinate hanno dato modo ai principianti del I livello di essere introdotti dal m° Angelo Corno alla notazione e alle peculiarità espressive del Canto Gregoriano, mentre i corsisti più esperti iscritti al II livello, guidati dal m° Fulvio Rampi, hanno affrontato il tema assai dibattuto della modalità gregoriana. I pomeriggi sono stati invece dedicati alle esercitazioni per lo studio del repertorio della S. Messa cantata poi in gregoriano domenica 12 luglio, presso il Santuario, a conclusione del Corso, celebrazione inserita all’interno del prestigioso calendario di Matilde 2015, in occasione del novecentenario dalla morte della Grancontessa di Canossa.

Non certo per caso il Corso si è concluso con il canto della Messa da parte della folta Schola di allievi: i docenti e gli organizzatori hanno infatti voluto dare il forte segnale che il gregoriano deve essere senza dubbio studiato – al suo continuo approfondimento deve essere dedicata attenzione costante, e lo dimostrano le lezioni teoriche e l’attenzione alla semiologia per quanto concerne l’interpretazione – ma è un canto che rivendica innanzitutto il suo diritto millenario ad essere Canto: il canto della liturgia della Chiesa.

Creare in soli tre giorni una fusione e un’unità di cinquanta voci provenienti da esperienze corali e musicali variegate, su un repertorio oltretutto complesso, è stata una scommessa riuscita grazie all’apporto insostituibile dei due docenti che hanno saputo formare ed uniformare tutti i cantori per dare vita ad una sola voce. Ma gli ottimi risultati del Corso sono stati anche merito degli allievi che hanno dimostrato tutto il loro interesse nel seguire attentamente le lezioni e i momenti di esercitazione e che hanno contribuito al creare un clima positivo e propositivo di collaborazione ed amicizia.

A fare da coro laboratorio per il Corso estivo è stata la Schola “Matilde di Canossa”, formazione gregoriana a voci miste della Accademia Corale “Teleion”: i nove cantori hanno infatti sostenuto la Schola dei corsisti e cantato in alternatim con essi i brani dell’Ordinario della Messa, dopo aver avuto a disposizione per una lezione di un paio d’ore il m° Angelo Corno, una delle sei straordinarie voci dei Cantori Gregoriani, che ha dato preziosi consigli sulla vocalità e l’interpretazione dei brani.

Fiore all’occhiello del Corso è stata la prima presentazione ufficiale italiana del volume fresco di stampa “Alla scuola del canto gregoriano. Studi in forma di manuale”, alla presenza dell’editore, Oreste Schiaffino, del curatore, Fulvio Rampi, e da uno degli autori, Angelo Corno: un’occasione in più per i corsisti di udire dalla viva voce di alcuni dei protagonisti di questa nuova avventura editoriale la storia dietro la nascita di una così importante pubblicazione.

Gli organizzatori hanno annunciato, al termine del Corso, le date delle prossime iniziative riguardo il Canto Gregoriano: sabato 14 novembre si terrà a Poggio Rusco un workshop con il m° Fulvio Rampi incentrato sul tema del martirio nel Canto Gregoriano, studiando in particolare il proprio di S. Stefano. Da gennaio a maggio 2016, invece, si terranno a Cremona le lezioni del secondo anno di Scuola di Canto Gregoriano, dopo lo straordinario successo del 2015 che ha visto la partecipazione di oltre sessanta allievi: le date degli incontri, tutti di sabato per l’intera giornata, sono già state fissate e a breve saranno resi noti tutti i dettagli dell’iniziativa.

Vi invitiamo pertanto a rimanere informati sulle iniziative proposte dalla Accademia su questa materia che sta appassionando un sempre maggior numero di persone consultando i siti www.accademiacoraleteleion.it, www.cantogregoriano.net oppure contattando la Segreteria dell’Associazione via mail accademiacoraleteleion@gmail.com o telefonicamente 370-3153785 (lun-ven, 18-20).

Et Resurrexit: il Gamma Chorus insieme a coro e orchestra del Campiani

et_resurrexit_poggio_manifesto

Si terrà domenica 12 aprile, alle ore 17.30, presso la chiesa parrocchiale di Poggio Rusco, il concerto “Et Resurrexit”, organizzato dalla Accademia corale “Teleion” con il patrocinio di Comune e Parrocchia di Poggio Rusco, Diocesi di Mantova, Conservatorio “L. Campiani” di Mantova, U.S.C.I. Mantova, Associazione Amici della Chiesa e Lions Club Terre Matildiche.

Interpreti del primo grande concerto con coro ed orchestra dopo la riapertura della chiesa di Poggio Rusco saranno i cori da camera “Gamma Chorus” e “Lucio Campiani” (preparato dal m° Francesco Loregian), l’orchestra da camera del Conservatorio mantovano e i solisti Giulia Perusi (soprano), Antonella Di Giacinto (contralto), Wang Tian (tenore) e Chen Yiang (basso).

Sotto la direzione di Luca Buzzavi, porteranno in concerto la Missa Dolorosa di Antonio Caldara, il Credo RV 591 di Antonio Vivaldi ed altri mottetti sacri a cappella: un repertorio impegnativo che offrirà al pubblico un’occasione di ascolto di veri e propri capolavori della musica barocca veneziana, all’interno di un percorso nella tradizione polifonica sacra europea con le composizioni per coro a cappella di Palestrina, Lotti, Mendelssohn, Bairstow e Duruflè.

Un programma raffinato che per la sua ricchezza e il suo alto valore musicale e culturale è stato inserito nel calendario del progetto “Matilde 2015”, ideato per celebrare il nono centenario dalla morte della Grancontessa di Canossa: la decisione di U.S.C.I. Mantova e della Diocesi, di cui è l’organizzazione del progetto, di patrocinare il concerto “Et Resurrexit” è stata ulteriormente motivata dal fatto che la chiesa di Poggio Rusco – come in pochi sanno e come sarà spiegato durante il pomeriggio musicale mediante i contributi alla storia cittadina di Lino Rezzaghi – giace sui resti della chiesa romanica di epoca matildica dedicata a Santa Maria Alba.

L’ingresso al concerto è ad offerta libera in favore delle spese per la ricostruzione della chiesa parrocchiale.

II Corso estivo di Canto Gregoriano

Link all’edizione 2016
Link all’edizione 2017

manifesto_corso_estivo_15

Dopo il grande successo dell’edizione 2014, che ha visto la partecipazione di quaranta allievi da tutto il nord e centro Italia, l’Accademia Corale Teleion è lieta di presentare, in collaborazione con i “Cantori Gregoriani”, U.S.C.I. Lombardia e U.S.C.I. Mantova, il II Corso estivo di Canto Gregoriano con i docenti d’eccezione m° Fulvio Rampi e m° Angelo Corno.

Il Corso, che vede la direzione artistica di Luca Buzzavi, si terrà nei giorni di venerdì 10, sabato 11 e domenica 12 luglio 2015 presso il Santuario della Beata Vergine della Comuna in Ostiglia (MN) e sarà articolato su due livelli distinti: il m° Angelo Corno guiderà gli allievi principianti del I livello alla scoperta della notazione e della potenzialità espressiva del Canto Gregoriano, mentre il m° Fulvio Rampi incentrerà le sue lezioni, rivolte ai corsisti del II livello, sulla questione della Modalità con esempi tratti dal repertorio.

Lezioni teoriche, esercitazioni corali, approfondimenti bibliografici e occasioni di incontro con i docenti saranno i momenti che scandiranno le giornate al Corso estivo di Canto Gregoriano nato con l’obiettivo ambizioso di diffondere il Canto Gregoriano nella sua dirompente potenza espressiva ed esegetica in una prospettiva di attualizzazione e concreta contestualizzazione del patrimonio musicale che la Chiesa Cattolica ha consegnato attraverso i secoli.

A concludere il Corso sarà, presso il Santuario, la S. Messa cantata in Canto Gregoriano dalla intera Schola degli allievi che eseguirà i brani studiati durante le esercitazioni corali; in alternatim alla Schola dei corsisti canterà la Schola Gregoriana “Matilde di Canossa”, diretta da Luca Buzzavi, che sarà anche il coro laboratorio che affiancherà gli allievi durante le esercitazioni d’insieme del Corso.

I dettagli del Corso, il repertorio delle esercitazioni e le modalità di iscrizione sono disponibili nella brochure al link seguente: brochure Corso estivo 2015

Di seguito, l’intervista al direttore artistico Luca Buzzavi su Radio Laghi inBlu.

Mettiamo inoltre a disposizione i prezzi convenzionati con l’Hotel “Doria” di Ostiglia che riportiamo al link seguente

Convenzione Hotel 2015

L’Accademia rimane a disposizione per ogni chiarimento ed ulteriore informazione all’indirizzo mail accademiacoraleteleion@gmail.com o al 370-3153785 (lun-ven, 18-20).

Un “Festino” di Carnevale: Giovedì Grasso in musica a Poggio Rusco

Festino_120215_poggio_rusco

Andrà in scena giovedì 12 febbraio alle ore 21 presso il Teatro Auditorium di Poggio Rusco (MN) il concerto “Festino nella sera del Giovedì Grasso avanti cena”. Obiettivo ambizioso per un coro da camera, il Gamma Chorus diretto da Luca Buzzavi, quello di “mettere in scena un concerto”. E’ infatti una terminologia insolita questa, dato che usualmente ad andare in scena sono spettacoli teatrali.

Il “Festino” di Carnevale proposto, come recita il titolo, per la sera del Giovedì Grasso è un’opera di Adriano Banchieri per coro a cinque voci miste, basso continuo, piccole percussioni e voci recitanti. La composizione di Banchieri, monaco olivetano bolognese, si inserisce nel filone del madrigale rappresentativo che, a cavallo tra fine cinquecento ed inizio seicento, contribuì lui stesso a sviluppare come resa drammatica di una storia in forma musicale.

Per questo durante il concerto il pubblico non ascolterà semplicemente i brani proposti dal coro, ma assisterà ad un vero e proprio spiritoso dialogo tra numerosi personaggi – le zitelle cantatrici, i gatti in contrappunto con i cucù e la bella Olimpia disperata per l’abbandono dell’amato sono solo alcuni dei protagonisti della vicenda musicale -, seguirà le performance degli attori Michele Caldora e Adriano Garosi e sarà introdotto a quel “teatro dell’hudito” realizzato in un’opera sbarazzina e burlesca in pieno clima carnevalesco, accompagnata dall’organista Davide Zanasi e dal percussionista Gaetano Dolce. Infine, al termine della rappresentazione, i presenti potranno degustare le prelibatezze tipiche del Carnevale offerte dai panifici poggesi e dalla Pro loco e nel mentre potranno apprezzare le opere pittoriche di Massimo Lodi.

Ma il progetto, ideato e promosso dalla Accademia Corale “Teleion” di Poggio Rusco, ha un intento ancor più ambizioso: il coinvolgimento del giovane pubblico che può avvicinarsi, grazie a queste proposte frizzanti ma di alto valore culturale, al ricchissimo mondo della musica corale che sta catturando in questi anni un crescente interesse. A tal fine il direttore artistico Luca Buzzavi ha coinvolto due istituti scolastici del territorio: le scenografie e l’allestimento della scena sono infatti stati curati dagli studenti del Liceo artistico “B. Munari” di Castelmassa (RV), mentre della realizzazione dei manifesti dell’evento si sono occupati gli allievi del Liceo artistico-grafico “G. Greggiati” di Ostiglia (MN).

Il concerto, patrocinato da Comune, Parrocchia e Amici della Chiesa di Poggio Rusco, U.S.C.I. Mantova e Amici dell’organo J. S. Bach di Modena, è ad ingresso libero e l’intero ricavato della serata sarà devoluto in favore del restauro della Chiesa Parrocchiale di Poggio Rusco.

Un sentito ringraziamento va, da parte della Accademia, a tutti quanti con il loro sostegno hanno permesso la programmazione e la realizzazione dell’evento, in particolare, oltre ai numerosi sponsor citati nel manifesto, alla fondazione Innovarte del Teatro Auditorium di Poggio Rusco per la costante disponibilità alle necessità artistiche della Associazione.

Alcuni video dal concerto li trovate sul nostro canale Youtube.

Buon Natale ai naviganti!

 Accademia NataleL’Accademia Corale “Teleion” vuole augurare a tutti i naviganti un buon Natale ed un sereno anno nuovo.

Il 2015 che si avvicina ci vedrà impegnati nella realizzazione di numerosi concerti ed eventi, nell’organizzazione di Corsi e Scuole, con l’ obiettivo di continuare nella nostra opera di diffusione della musica corale di qualità, dal Canto Gregoriano alla polifonia, dal Rinascimento ad oggi.

Cogliamo l’occasione per ringraziare quanti, numerosissimi, nel corso di quest’anno ormai trascorso, hanno partecipato alle iniziative da noi organizzate: richiedendoci Bellezza, ci hanno dato lo slancio per proseguire nella nostra operazione culturale di studio ed approfondimento.
Un ringraziamento non può che essere rivolto anche a coloro che in primis si sono adoperati per la buona riuscita di questo anno corale: il m° Fulvio Rampi – docente dei Workshop, dei Corsi e della Scuola di Canto Gregoriano -, il direttore artistico della Accademia, Luca Buzzavi, ed il coach vocale Gianni Guicciardi.

Vi invitiamo pertanto a continuare a seguirci su questi schermi per rimanere sempre informati sulle iniziative che di volta in volta proporremo per questo anno nuovo e vi rinnoviamo i nostri migliori auguri di buone Festività!

Note d’Avvento a San Sigismondo

Note d'Avvento a San Sigismondo

Sabato 13 dicembre, alle ore 17.00, il coro da camera Gamma Chorus, diretto da Luca Buzzavi, terrà un concerto presso la Chiesa universitaria di S. Sigismondo in Bologna.

Il concerto, che vedrà la partecipazione anche dei cori “Levis Ventus” della Chiesa Universitaria di S. Sigismondo, diretto da Stefano Parmeggiani, e “San Lorenzo” di Ciano (MO), diretto da Enrico Bernardi, si colloca nella programmazione dei Concerti spirituali, nell’ambito della rassegna “Musica e preghiera: note d’Avvento a San Sigismondo” che quest’anno giunge alla sua XV edizione.

Il Gamma Chorus accompagnerà il pubblico in un percorso attraverso la polifonia novecentesca, proponendo brani di Kodaly, Molfino e Lamberti ed eseguendo i “Quattro mottetti su tema gregoriano” di Maurice Duruflè.

Il concerto è ad ingresso libero: vi aspettiamo!

MISERERE DI ALLEGRI A MAGNACAVALLO, 5/12, ORE 21

miserere-locandinaA3Sarà un bellissimo concerto quello di venerdì 5 dicembre presso la Chiesa Parrocchiale di Magnacavallo (MN) alle ore 21. Durante la serata si alterneranno il Gamma Chorus della Accademia Corale “Teleion” di Poggio Rusco, convenzionata con la Fondazione “Andreoli” dei Comuni dell’Area Nord di Modena, e la Corale Discantica, associazione corale di Cesole, Canicossa e Scorzarolo. Il primo, diretto dal m° Luca Buzzavi, eseguirà polifonie del ‘900 passando da Duruflé a Kodaly e offrendo un brano del mantovano Silvio Lamberti. La seconda, diretta dal m° Michael Guastalla, farà ascoltare polifonie rinascimentali e protobarocche spaziando da Palestrina a Tallis e Ludovico Grossi da Viadana.

Un viaggio sonoro, quindi, che accompagnerà il pubblico verso l’ascolto importante della serata, quello che le ha conferito il titolo: “Miserere mei, Deus” di Gregorio Allegri, per 9 voci miste e Canto Gregoriano. Tale capolavoro fu composto nel 1630 per essere eseguito a luci spente durante la Settimana Santa nella Cappella Sistina in Vaticano e fu reputato talmente sacro che il Pontefice Urbano VIII ne proibì la riproduzione in luoghi diversi, pena la scomunica.

Il concerto, patrocinato dal comune e parrocchia di Magnacavallo, comune di Marcaria e parrocchia di Campitello, U.S.C.I. Lombardia e Mantova, vedrà protagonista una considerevole presenza di giovani (il 20% dei 50 esecutori dell’organico complessivo), di allievi ed ex-allievi del Conservatorio “Lucio Campiani” di Mantova, a partire dai due direttori, passando attraverso diversi coristi, fino alla partecipazione dell’organista Michele Mazzocchi, cui spetteranno l’apertura e l’intermezzo all’organo Mascioni, al centenario dalla costruzione nella chiesa magnacavallese.

La collaborazione tra le due realtà corali si è concretizzata in un’intensa estate di prove, al fine della creazione di una vera sinergia di intenti e risultati non solamente attraverso una simpatia tra i componenti ma tramite lo studio, l’approfondimento e il confronto sulla prassi esecutiva di una così importante partitura.

Il concerto di Magnacavallo è la replica di quello tenuto nella chiesa di Campitello (MN) con grande successo di pubblico e critica.

NON POTETE MANCARE!

MISERERE DI ALLEGRI A CAMPITELLO (MN) – Sabato 1/11, ore 21

miserere-locandinaA3Sabato 1 novembre, alle ore 21, presso la Chiesa Parrocchiale “S. Celestino I Papa” di Campitello, si terrà il concerto di polifonia sacra a cappella “Miserere”. I cori che interverranno saranno la Corale Discantica delle parrocchie di Cesole, Canicossa e Scorzarolo, diretta da Michael Guastalla, e il Gamma Chorus dell’Accademia Corale “Teleion” di Poggio Rusco, diretto da Luca Buzzavi.

Durante il concerto il pubblico sarà accompagnato in un viaggio che partirà dalle composizioni rinascimentali di Tallis e Byrd per giungere ai brani novecenteschi di Kodaly e Duruflé.

Il pezzo conclusivo, che ha dato il nome all’evento, sarà il “Miserere mei, Deus” di Gregorio Allegri per nove voci miste e canto gregoriano e sarà eseguito da entrambe le formazioni corali. Tale capolavoro fu composto nel 1630 per essere eseguito a luci spente durante la Settimana Santa nella Cappella Sistina in Vaticano e fu reputato talmente sacro che il Pontefice Urbano VIII ne proibì la riproduzione in luoghi diversi, pena la scomunica.

Il concerto, patrocinato dal comune e parrocchia di Magnacavallo, comune di Marcaria e parrocchia di Campitello, U.S.C.I. Lombardia e Mantova, vedrà protagonista una considerevole presenza di giovani (il 20% dei 50 esecutori dell’organico complessivo), di allievi ed ex-allievi del Conservatorio “Lucio Campiani” di Mantova, a partire dai due direttori, passando attraverso diversi coristi, fino alla partecipazione dell’organista Michele Mazzocchi, cui spetteranno l’apertura e l’intermezzo all’organo Montesanti. Inoltre sarà eseguito il brano “Canto improvvisato” del compositore mantovano Silvio Lamberti, ex-docente del Campiani.

La collaborazione tra le due realtà corali si è concretizzata in un’intensa estate di prove, al fine della creazione di una vera sinergia di intenti e risultati non solamente attraverso una simpatia tra i componenti ma tramite lo studio, l’approfondimento e il confronto sulla prassi esecutiva di una così importante partitura.

Il concerto, ad ingresso libero, sarà replicato venerdì 5 dicembre nella chiesa parrocchiale di Magnacavallo.